Guida all’acquisto

Cos´è importante prima dell’acquisto di un phablet? I prezzi dei phablet oggigiorno partono da 100 euro fino ad arrivare a 900 euro. Non sempre è chiaro a prima vista, su che cosa si basano queste differenze. In questa pagina spiegheremo le caratteristiche principali dei phablet, per facilitare la scelta del modello più consono alle proprie esigenze.

 


 

Schermo

Le dimensioni dello schermo e la risoluzione dello stesso svolgono un ruolo fondamentale al momento della scelta. Samsung (con il Samsung Galaxy Note 4 ed il Samsung Galaxy Note Edge), Google, con il nuovissimo Nexus 6 e LG con il LG G3 brillano con una risoluzione da 2560 x 1440 pixel. I principali modelli phablet di Apple, Sony, Microsoft/Nokia e Huaweiosano una risoluzione da 1920 x 1080, ma convincono altrettanto con immagini nitide su una diagonale di schermo da 5,5 – 6 pollici. Un ulteriore componente per garantire uno schermo nitido è la alta densità di pixel (ppi), cioè è quel numero di pixel che sono presenti in una lunghezza pari ad 1 pollice della diagonale del display. Sembra scontato il fatto che più pixel ci siano in un’area, più definita sarà l’immagine finale che vedremo.

 

Qui troverete un elenco dei phablet con la maggior risoluzione dello schermo.

 

Per quanto riguarda le dimensioni dello schermo bisogna prestare attenzione alle dimensioni in pollici dei rispettivi dispositivi. Evidentemente un phablet da 5 pollici è più facile da infilare nella tasca dei pantaloni che un phablet con 7 pollici, visto che la differenza di diagonale dello schermo comporta 5 centimetri in lunghezza e 4 centimetri di larghezza. Se il phablet viene soprattutto usato a casa o in ufficio per telefonare, scrivere, leggere o vedere video, un dispositivo da 7 pollici con display grande e nitido ha vari vantaggi. Inoltre bisogna anche tenere conto, che uno schermo maggiore consuma più batteria e richiede pertanto un’autonomia più elevata. Un esempio è il Huawei MediaPad X2 da 7 pollici, dato che la capacità della sua batteria si aggira sui 5000 milliampereora (mAh).

 
Qui troverete un elenco dei phablet con uno schermo tra 5,5 e 5,9 pollici
Qui troverete un elenco dei phablet con uno schermo tra 6,0 e 6,4 pollici
Qui troverete un elenco dei phablet con uno schermo tra 6,5 e 7,0 pollici

 


 

Business

Per garantire che tutte le applicazioni dell’ ufficio funzionino in maniera veloce ed affidabile e le attività che finora venivano svolte con un tablet, un portatile o un computer, possano essere eseguite, bisogna prendere in considerazione i seguenti componenti:

 

  • Un processore moderno e veloce in combinazione con la necessaria memoria RAM
  • Una grande memoria interna, per salvare i documenti principali sul phablet e non sulla scheda di memoria esterna, soprattutto perché risparmia tempo
  • Un sistema operativo ottimizzato con i componenti hardware

 

Processore e memoria RAM

Al giorno d´oggi nel mondo tecnologico tanti componenti vengono superati molto velocemente e per questo prima dell´acquisto bisogna essere sicuri di quale hardware scegliere. Come anche nel caso dei computer e portatili, la combinazione tra processore e memoria ram è molto importante per ottimizzare il funzionamento del dispositivo. La stessa cosa vale anche per applicazioni e giochi che necessitano degli ultimissimi componenti per garantire il maggior intrattenimento.

Proprio come nel caso dei processori dei computer, anche i processori “mobili” hanno due architetture idiverse. L´architettura da 32-bit, che si limita a 4 gb di memoria di ram o la più moderna architettura da 64- bit per performance molto più elevate. In più, i produttori hanno cominciato a montare processori dual-core, quad- core ed addirittura octa-core per offrire prestazioni mai viste prima. Bisogna però aggiungere che il modello phablet con il maggior processore e la memoria ram più elevata sia il più veloce, giacché, la tecnologia di base per il rendimento di un phablet,è l’ottimizzazione dei componenti hardware e software a disposizione dei produttori. Un buon esempio è il Apple iPhone 6 Plus, il quale non ha nè il processore, nè la memoria ram più grandi, però associa hardware e software in un maniera ottimale. Nel reparto dei modelli Android, per quanto riguarda la rapidità di esecuzione si distinguono il Samsung Galaxy Note 4 ed il Galaxy Note Edge, cosi come il Google Nexus 6.

Memoria interna

Anche nel caso della memoria interna, i diversi phablet del test mostrano grandissime divergenze. Cominciando con i 8 gigabyte di memoria del Xiaomi Redmi Note, Sony Xperia Z Ultra, Odys Connect 7 Pro, Microsoft (Nokia) Lumia 640 XL ed il Honor 4X fino ad arrivare ai 128 gigabyte del Apple iPhone 6 Plus.

Ma a cosa è dovuto?

Anticipatamente bisogna sapere, che la memoria interna serve per salvare documenti e file direttamente sul phablet e richiamare gli stessi direttamente dalla memoria in tempi brevissimi. Tanti produttori però risparmiano esattamente su questo fronte, installando una memoria relativamente piccola ed offrendo uno slot per schede esterne per espanderla. Cosi ogni possessore di un phablet con memoria espandibile può facilmente comprare una scheda microSD creando spazio per ulteriori immagini, video, applicazioni, etc. Un vantaggio di queste piccole schede, a parte il prezzo economico, è la possibilità di connettere la scheda direttamente con il computer e caricare per esempio musica, senza dover connettere il phablet con lo stesso computer.

E quali sono gli svantaggi delle memorie esterne?

L´unico svantaggio di queste schede di memoria riguarda la velocità di esecuzione dei vari file, che però non vien percepita da un consumatore normale. Inoltre bisogna vedere se il sistema operativo consente di trasferire tutti tipi di file sulla memoria esterna. A volte succede che immagini e video possono essere trasferiti, ma non applicazioni.

 

Sistema operativo

I phablet delle case Samsung, Google, Huawei, Xiaomi e LG fanno uso del sistema operativo Android. A seconda del produttore il sistema operativo viene adattato ad una superficie specifica, che permette la personalizzazione del sistema stesso. L’ Apple iOS ed il Microsoft WinPhone sono sistemi operativi chiusi, i quali non danno all’utente molto spazio per la personalizzazione. Per questo ognuno deve considerare se preferisce phablet con sistema operativo aperto, dando spazio a personalizzazioni o un sistema operativo chiuso (che però, come nel caso di Apple, è perfettamente connettibile con altri prodotti Apple o come nel caso del WinPhone di Microsoft che usa le sinergie con altri prodotti che usano programmi Microsoft,) come la maggior parte di computer e portatili. Inoltre bisogna anche considerare le sinergie con altri prodotti come tablets, wearables, Smart-Tvs, etc., i quali potrebbero avere un ruolo importante al momento della scelta.

 

Qui troverete un elenco con i migliori Phablet Business

 


 

Fotocamera

Per coloro che sono fotografi non professionali o in generale a chi piace la fotografia, bisogna dire che la qualità delle immagini scattate con gli smartphone o phablet è aumentata molto. Inoltre, tanti phablet offrono una gran varietà di funzioni e modalità e addirittura applicazioni di rifinitura per modificare le foto subito dopo lo scatto.Prima di tutto si consiglia di verificare la quantità di megapixel della camera del phablet. Bisogna però fare attenzione, perché megapixel addizionali non equivalgono ad una maggior qualità delle foto. Una camera con più megapixel può registrare molti più dettagli in confronto a fotocamere con meno pixel, però se l’obbiettivo non ha una sufficiente apertura o se l’ottica non è di alta qualità, il numero di megapixel è ininfluente sulla qualità dell’immagine.

I migliori risultati li da il Nokia Lumia 1520 con una camera da 20 megapixel ed un obiettivo della casa tedesca Zeiss. Anche l´altro modello phablet della casa Microsoft/Nokia, il Lumia 640 XLè dotato dell’ obbiettivo Zeiss ed in combinazione con i 13 megapixel della fotocamera fa delle foto eccellenti. Bisogna però anche aggiungere i modelli della famiglia Galaxy, il Galaxy Note 4 ed il Note Edge, in cui la fotocamera è stata migliorata. La fotocamera principale scatta foto con 16 megapixel, mentre la fotocamera sulla fronte offre 3,7 megapixel. La apertura in tutti i due casi è molto buona, le immagini sono molto nitide con colori vivaci.

 

Qui troverete un elenco con i phablet con la miglior fotocamera

 


 

Relazione qualità – prezzo

Se diamo un sguardo alle relazioni qualità – prezzo dei phablet del test notiamo senza sorpresa che i produttori cinesi sono chiaramente avvantaggiati.Ciò è dovuto al fatto che le spese per ricerca e sviluppo sono tenute più basse,attraverso l’accaparramento di ingegneri che apportano il know-how di altri grandi produttori. I prezzi sono adeguati alla capacità d’acquisto della classe media cinese, che, come costi della mano d’opera sono molto inferiori a quelli dell’Occidente.

Nonostante questo però, la qualità dei phablet è sorprendentemente molto buona ed il prezzo in confronto è imbattibile. I prezzi cominiciano dai 105 € per il Odys Connect 7 Proe per poco più di 200 euro è possibile comprare un phablet con componenti high-end. I modelli del fabbricante Huawei, come quello dell’ impresa affiliata Honor con il loro Honor 4X offrono un processore octacore per poco più di 200 euro ed allo stesso tempo propone l’ Ascend Mate 7 ed il MediaPad X2 nella fascia high-end a meno di 350 euro.

In più, per meno di 200 euro abbiamo trovato ulteriori phablet con un funzionamento eccellente. I cinesi Xiaomi, che in Cina vendono più smartphone di Samsung ed Apple, sorprendono con l´ultimo arrivato, il Xiaomi Redmi Note da 190 euro, mentre Foxnovo offre il F2000, considerando l’ elaborazione ottima e l’ elevata autonomia della batteria.

 

Qui troverete un elenco con i phablet con la miglior relazione qualità – prezzo

 


 

Batteria

Anche l´autonomia della batteria risulta essere un fattore sempre più importante al momento dell´acquisto. Per questo ci piacerebbe specificare quali sono le particolarità da tenere in considerazione. Innanzitutto, c´è da sapere che uno schermo più grande in generale consuma più energia ed una capacità della batteria elevata non sempre può essere convertita in tante ore di autonomia. Il miglior esempio che possiamo dare in questo caso è quello della Applecon il loro sistema operativo iOS, nel quale hardware, software e schermo vengono messi in perfetta sintonia e gli update del sistema operativo aumentano l’ efficienza dell’ uso della batteria. Gli ingegneri della Samsung invece si sono specializzati nell’ innovazione degli schermi e montano sui loro dispositivi schermi ultraefficienti nel risparmio della batteria, cosi la maggior risoluzione di schermo di cui sono dotati il Samsung Galaxy Note 4 ed il Galaxy Note Edge,non incidono sull’autonomia della batteria. D´altronde i phablet con maggior capacità della batteria in combinazione con il software e hardware sono il Ascend Mate 7 ed il MediaPad X2 della Huawei, cosi come il meraviglioso Foxnovo F2000dal punto di vista della relazione qualità – prezzo.

 

Qui troverete un elenco con i phablet con la maggior autonomia.

 


 

Dual-Sim

Alcuni modelli presentati in questo test dispongono della tecnologia Dual-Sim, cioè offrono la possibilità di introdurre due schede sim nel telefono, dando cosi la possibilità di effettuare e ricevere chiamate o sms sulle schede contemporaneamente. Questa modalità è utile per coloro che hanno un numero privato ed un aziendale e vorrebbero evitare di andare in giro con due telefonini allo stesso tempo. Bisogna però fare attenzione, perché a volte gli slot per le schede hanno delle misure diverse ed in certi casi uno slot supporta le reti LTE/4G o 3G rispettivamente.

 

Qui troverete un elenco con i phablet con Dual-Sim

 

 

Link esterni:
Phablet su Wikipedia (in italiano)
Phablet su Wikipedia (in inglese)

 
Ritornare alla home